Iva – Reverse Charge

La Legge di Stabilità ha previsto, dal 1°gennaio 2015, che il particolare meccanismo dell’inversione contabile (reverse charge) debba essere applicato anche ad una nuova serie di prestazioni di servizi di comune diffusione:

servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici.

Per questo tipo di servizi, il reverse charge assume carattere oggettivo applicandosi indipendentemente:

  • sia dal rapporto contrattuale;

  • sia dalla tipologia di attività esercitata.

Da ciò deriva che chiunque effettuerà una delle prestazioni elencate nella nuova disposizione, dovrà emettere fattura senza applicazione dell’Iva, con l’annotazione “inversione contabile ai sensi dell’art. 17 c.6 lett. a-ter, DPR 633/72”.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più