Covid: indennità di sostegno di Euro 600 per professionisti iscritti a Casse di previdenza private

Sul fronte delle indennità di Euro 600 introdotte dal D.L. “Cura Italia” si registrano i primi interventi interpretativi e applicativi.

A riguardo, è stato approvato il decreto interministeriale del Ministero del Lavoro che riconosce a lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle Casse previdenziali private un’indennità di Euro 600, non cumulabile con altre erogazioni a sostegno del reddito, per il solo mese di marzo 2020.

I professionisti iscritti alle Casse private hanno accesso alla misura di sostegno nel rispetto delle seguenti condizioni:

1) di natura reddituale, con distinzione in due fasce; 2) di tipo contributivo, in quanto il richiedente deve aver adempiuto agli obblighi contributivi relativi all’anno 2019.

Per quando riguarda il primo punto, l’indennità è riconosciuta ai professionisti che abbiano percepito nel 2018:

- un reddito complessivo non superiore a Euro 35.000, la cui attività sia stata limitata dai provvedimenti restrittivi emanati in conseguenza dell’emergenza sanitaria; - un reddito complessivo compreso tra Euro 35.000 e Euro 50.000 e che abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività sempre a causa dell’emergenza sanitaria.

Per cessazione dell’attività, s’intende la chiusura della partita IVA, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 marzo 2020, mentre per riduzione o sospensione dell’attività lavorativa s’intende una comprovata riduzione di almeno il 33% del reddito del primo trimestre 2020, rispetto al reddito del primo trimestre 2019 (le modalità di calcolo del reddito sono fin qui tutt’altro che chiare – diverso sarebbe stato se il riferimento fosse al fatturato del periodo). Presentazione della domanda La presentazione della domanda potrà essere effettuata dal 1° aprile 2020, ad un solo ente previdenziale cui si è iscritti e per una sola forma di previdenza obbligatoria, utilizzando lo schema che sarà predisposto da ciascuna Cassa. Al fine di agevolare la consultazione, si riportano di seguito i link delle principali Casse previdenziali private a cui poter fare riferimento:

- Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Dottori Commercialisti (Cnpadc) - https://www.cnpadc.it/comunicazione/notizie/emergenza-covid-19-indennità-favore-dei-professionisti-iscritti-alla-cassa;

- Ente di Previdenziale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati (Eppi) - https://www.eppi.it:

- Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore degli Avvocati e Procuratori (Cassa Forense) - http://www.cassaforense.it/in-primo-piano/bonus-600-euro-anche-ai-professionisti-iscritti-alle-casse-private/;

- Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa) - https://www.inarcassa.it/site/home.html;

- Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti (Cipag) – https://www.cipag.it/it/cassa/cassa-geometri;

- Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e dei Dentisti (Enpam) - https://www.enpam.it/comefareper/covid-19/bonusEnpam/#requisiti.

Si ricorda che i siti sopra indicati stanno provvedendo all’aggiornamento di tale normativa, mettendo così a disposizione tutte le modalità tecniche da utilizzare per poter procedere con la richiesta di indennità di cui all’oggetto.

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più