top of page

Bando ISI INAIL 2023 – Progetti di Bonifica da Materiali contenenti Amianto

Facendo seguito a nostra circolare del 19 gennaio 2024 “Contributi a fondo perduto per le imprese - Bando Isi 2023”, si evidenziano i dettagli dell’Asse 3 relativo ai Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Il bando sostiene i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto. Gli interventi di bonifica da MCA finanziabili sono unicamente quelli relativi alla rimozione con successivo trasporto e smaltimento, anche previo trattamento in impianto autorizzato, in discarica autorizzata.


PROGETTI AMMESSI A CONTRIBUTO

L’intervento di rimozione deve essere effettuato presso il luogo di lavoro nel quale l’impresa richiedente esercita la propria attività. Nel caso di locazioni totali o parziali di immobili, sarà finanziata la sola quota parte dei lavori riguardante la porzione di immobile non locata e utilizzata direttamente dai dipendenti dell’impresa richiedente. Sono invece ammessi gli interventi richiesti dall’azienda locataria dell’immobile oggetto dell’intervento.


SPESE AMMESSE A CONTRIBUTO

Sono ammesse a finanziamento:

  • le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto;

  • le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza;

  • le eventuali spese tecniche, entro i limiti specificati dal bando.

Le spese devono essere sostenute dall’impresa i cui lavoratori e/o titolare beneficiano dell'intervento e devono essere documentate. Le spese ammesse a beneficio devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data della presentazione della domanda. Per le domande di finanziamento pari o superiore a € 30.000,00 può richiedere un’anticipazione fino al 50% dell’importo del finanziamento stesso.


AMMONTARE DEL BENEFICIO

Il contributo a fondo perduto può arrivare fino al 65% delle spese ammesse, calcolato sulle spese sostenute (al netto dell’IVA). Per i progetti legati alla rimozione dell’amianto il contributo massimo erogabile è pari a € 130.000,00 e il contributo minimo ammissibile è pari a € 5.000,00. Possono essere sommate le spese tecniche e assimilabili entro la percentuale massima del 10% rispetto ai costi di cui sopra con un importo massimo complessivo di 10.000 euro. Rientrano, per esempio, la redazione della perizia asseverata (spesa massima ammissibile pari a 1.850 euro), la determinazione analitica dell’amianto (certificato di analisi o rapporto di prova) effettuata da laboratorio qualificato dal Ministero della Salute per la specifica metodologia di analisi utilizzata, la produzione di progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati, la direzione lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione, la certificazione di regolare esecuzione o collaudo.

Alla spesa per la bonifica e il rifacimento della copertura, può essere aggiunta quella per l’acquisto e la posa in opera di ancoraggi permanenti conformi ai requisiti nel bando, nel rispetto del valore limite pari al 10% delle spese relative alla bonifica e al rifacimento della copertura.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Regolarizzazione dei Magazzini

La legge di bilancio 2024 accorda la possibilità di regolarizzare le rimanenze di magazzino adeguandole alla situazione di giacenza effettiva. La possibilità di aderire all’adeguamento riguarda il per

Transizione 5.0 – nuovo credito d’imposta

Il Decreto Legge PNRR, ancora in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, introduce un nuovo credito d’imposta relativo al piano transizione 5.0, avente lo scopo di sostenere gli investimenti in

Comments


bottom of page