top of page

Credito d’imposta Formazione 4.0


Il nuovo decreto Aiuti 2022 ha introdotto alcune novità in merito al credito d'imposta per la formazione 4.0 del personale dipendente. Le modifiche consistono in un incremento delle aliquote per il credito d’imposta sia per le Pmi che per le grandi imprese.


Novità sul credito d’imposta formazione 4.0

Le modifiche apportate dal nuovo decreto a questa importante misura di stimolo agli investimenti delle imprese in termini di formazione del personale, consistono in un incremento delle aliquote per il credito d’imposta, e cioè:

  • 70% delle spese per le piccole imprese (massimo annuale di 300.000 euro);

  • 50% delle spese per le medie imprese (massimo annuale di 250.000 euro);

  • 30% delle spese per le grandi imprese (massimo annuale di 250.000 euro).


Affinché si possa beneficiare delle nuove aliquote devono però verificarsi due condizioni:

  1. le attività formative devono essere erogate dai soggetti individuati con decreto del Ministro dello sviluppo economico da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto;

  2. i risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle suddette competenze devono essere certificati secondo le modalità stabilite con il decreto stesso.

Qualora non dovessero verificarsi le due condizioni su esposte le imprese possono comunque beneficiare del credito d'imposta ma a condizioni più sfavorevoli e cioè:

  • 45% delle spese per le piccole imprese;

  • 35% delle spese per le medie imprese;

  • 30% delle spese per le grandi imprese.


Spese ammissibili

Riepiloghiamo pertanto quali sono le spese oggetto delle agevolazioni:

  • le spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;

  • i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione;

  • i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;

  • le spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto alcune vantaggiose novità in materia di importi iscritti a ruolo dall’Agente della Riscossione, di seguito descritte. ROTTAMAZIONE RUOLI (art. 1, commi 231-252)

Si riportano di seguito alcune delle principali novità introdotte dalla Legge n. 197/2022 cosiddetta Legge di Bilancio 2023. Flat Tax Incrementale (art. 1, commi 55-57) Limitatamente al 2023, viene pr

Decreto Aiuti-quater (D.L. 176/2022) - Novità Legge di bilancio 2023 (L. 197/22) SUPERBONUS 110% Interventi su unità immobiliari singole Per gli interventi effettuati su unità immobiliari dalle person

bottom of page