Emergenza Covid - 19: Proroga moratoria per le PMI

l D.L. n. 104/2020, cosiddetto “Decreto Agosto”, all’art. 65 ha esteso di quattro mesi, sino al 31 gennaio 2021, la validità della moratoria straordinaria dei prestiti (anche leasing) e delle linee di credito già prevista dal decreto Cura Italia (si rinvia a nostra precedente circolare del 27.03.2020 https://www.slec.it/circolari/169-emergenza-covid-19-moratoria-prestiti-prime-istruzioni ).

Per le imprese già ammesse alla moratoria alla data del 15.08.2020, la proroga opera automaticamente senza alcuna formalità, salva l’ipotesi di rinuncia espressa da parte dell’impresa beneficiaria, da far pervenire al soggetto finanziatore entro il 30 settembre 2020.

Le imprese che, al 15 agosto 2020, presentino esposizioni che non siano ancora state ammesse alle misure di sostegno relative alla moratoria prestiti già prevista dal D.L. Cura Italia, possono essere ammesse, entro il 31 dicembre 2020, secondo le medesime condizioni e modalità del citato Cura Italia.

La moratoria sui finanziamenti determina lo spostamento in avanti, senza alcuna commissione, del piano di ammortamento per un periodo pari alla sospensione accordata, con la seguente distinzione:

  • sospensione dell’intera rata (quota capitale e quota di interessi): gli interessi che matureranno durante la sospensione saranno ripagati in quote, dopo il 31 gennaio 2021, nel piano di ammortamento residuo;

  • sospensione della sola quota capitale: gli interessi sul capitale ancora da rimborsare dovranno essere pagati anche durante il periodo di sospensione, senza ulteriori effetti sul piano di rimborso originario.

***********

Rimaniamo volentieri a disposizione per qualsiasi chiarimento in merito.

Cordiali saluti.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più