top of page

Sanatoria Errori Formali

La Legge di Bilancio 2023, ai commi 166-173, introduce la possibilità di regolarizzazione per le irregolarità, le infrazioni e l'inosservanza di obblighi o adempimenti, di natura formale, che non rilevano sulla determinazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi, dell'Iva e dell’Irap e sul pagamento di tali tributi, commesse fino al 31 ottobre 2022, a condizione che le violazioni non siano già state contestate in atti divenuti definitivi al 1° gennaio 2023.

La regolarizzazione avviene mediante il versamento di una somma pari a 200,00 euro per ciascun periodo d'imposta cui si riferiscono le violazioni.

La regolarizzazione si perfeziona con il pagamento delle somme dovute e con la rimozione delle irregolarità od omissioni. Il versamento deve essere eseguito, o in un’unica soluzione entro il 31 ottobre 2023; oppure in due rate di pari importo entro il 31.10.2023 e il 31.03.2024.


Sotto il profilo soggettivo, possono avvalersi di questa misura tutti i contribuenti, indipendentemente dall’attività svolta, dal regime contabile e dalla natura giuridica adottati, inclusi anche i sostituti d’imposta.

Con le circolari 2/E/2023 e 6/E/2023 è stato definito un elenco a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, includendo, per esempio:

  • l’omessa o irregolare presentazione delle liquidazioni periodiche Iva, solo quando l’imposta risulta assolta e non anche quando la violazione ha avuto effetti sulla determinazione e sul pagamento dell’imposta;

  • l’omessa, irregolare o incompleta presentazione degli elenchi Intrastat;

  • l’irregolare tenuta e conservazione delle scritture contabili, nel caso in cui la violazione non abbia prodotto effetti sull’imposta complessivamente dovuta;

  • la tardiva trasmissione delle dichiarazioni da parte degli intermediari;

  • l’omessa comunicazione della proroga o della risoluzione del contratto di locazione soggetto a cedolare secca;

  • le fatture elettroniche inviate allo Sdi tardivamente, ma correttamente incluse nella liquidazione Iva di competenza con il relativo e regolare versamento dell’Iva dovuta.

  • i corrispettivi elettronici regolarmente memorizzati e non inviati all’Agenzia, ma inseriti in contabilità con relativa corretta liquidazione dell’imposta dovuta.

Perciò, rientrano tra gli errori formali, in riferimento agli obblighi di documentazione/registrazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva:

  • per le operazioni imponibili, gli errori che non hanno inciso sulla corretta liquidazione dell’Iva;

  • per le operazioni non imponibili/esenti/non soggette ad Iva, gli errori che non rilevano neppure ai fini della determinazione del reddito;

  • per le operazioni in reverse charge, in cui la violazione formale maggiormente compiuta consta nella tardiva o omessa trasmissione dei dati delle operazioni transfrontaliere, è possibile regolarizzare, con la definizione agevolata di cui ai commi 166-173, l’operazione in cui l’Iva risulta assolta, anche se in modo irregolare ma in assenza di frode. Mentre la violazione è sostanziale se ha determinato il mancato versamento dell’Iva.

66 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Nuova Sabatini

La Legge di Bilancio per il 2024 ha rifinanziato, nella misura di 100 milioni di euro, la c.d. “Nuova Sabatini”, misura di sostegno agli investimenti in beni strumentali da parte di micro, piccole e m

Agevolazioni SIMEST

SIMEST ha attivato sei linee d’intervento per la presentazione delle richieste agevolative; si specifica che la spesa minima è di € 10.000. Si tratta delle seguenti misure: Transizione Digitale o Ecol

bottom of page