Cessioni Intra UE - prova del trasporto

La presente per ricordare che a decorrere dal 1° gennaio 2020 sono entrate in vigore le nuove disposizioni in tema di “prova del trasporto” all’interno dell’Unione Europea relativamente alle cessioni Intra –Ue.

Il tema è già stato trattato nella circolare dell’8 novembre 2019 pubblicata sul nostro sito web https://www.slec.it/circolari/137-documenti-per-provare-le-vendite-intracomunitarie

Si ricorda che qualora il trasporto sia posto a carico dell’acquirente, questi è tenuto a fornire al venditore una dichiarazione scritta che attesti che i beni sono stati trasportati o spediti dall’acquirente, o da terzi per suo conto, nel luogo convenuto.

La dichiarazione, in formato cartaceo e/o elettronico, deve contenere:

  • data rilascio

  • nominativo e indirizzo dell’acquirente

  • stato membro di destinazione

  • quantità e natura dei beni

  • data e luogo di arrivo

  • dati identificativi della persona che riceve la merce (es. magazziniere)

  • per i mezzi di trasporto: riportare n. identificativo (es. telaio)

  • eventuali altre informazioni utili (dato facoltativo)

La dichiarazione va rilasciata entro il decimo giorno successivo a quello in cui l’operazione è effettuata (momento di consegna o spedizione); detto termine tuttavia è da considerarsi non perentorio, come precisato anche dall’Agenzia delle Entrate nella recente circolare n. 12/2020.

Pur se non esplicitamente chiarito dall’Agenzia delle Entrate, dovrebbe potersi ritenere ammissibile anche una dichiarazione riepilogativa che riguardi le operazioni intervenute nell’arco dello stesso mese solare, pur sempre con descrizione delle singole operazioni.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più