Comunicazione dati fatture - comunicazione liquidazioni periodiche

Si ricorda che il 18 settembre 2017 scade l’invio dei seguenti adempimenti periodici Iva: - invio della comunicazione dei dati delle fatture relative al I° semestre 2017; - invio della comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche relative al II° semestre 2017.

Pur se più volte anticipate dalla stampa specializzata, ad oggi non vi sono proroghe ufficiali del termine di invio.

Comunicazione dei dati delle fatture – informazioni da trasmettere

La comunicazione include:  tutte le fatture emesse nel corso del semestre;  tutte le fatture ricevute e registrate, ivi comprese le bollette doganali, nonché le note di variazione relative alle predette fatture.

La trasmissione riguarda i seguenti dati riferiti al singolo documento:  dati identificativi del cedente o prestatore;  dati identificativi del cessionario o committente;  data e numero del documento (sia esso fattura, bolletta doganale o nota di variazione);  data di registrazione (per le sole fatture ricevute e le relative note di variazione);  base imponibile IVA;  aliquota IVA applicata e imposta;  tipologia dell’operazione, solo laddove l’operazione non comporti l’esposizione dell’imposta nel documento, secondo la tabella di seguito esposta:

Tipologia di operazione campo “Natura”

Operazioni escluse ex art. 15 N1 Operazioni non soggette N2 Operazioni non imponibili N3 Operazioni esenti N4 Operazioni in regime del margine N5 Operazioni in reverse charge N6 Modalità speciali di det. IVA N7

Modalità di invio dati Le modalità di invio dati sono le medesime già utilizzate per inviare le liquidazioni Iva relative al I trimestre; la trasmissione sarà pertanto telematica, accedendo all’apposita sezione del sito web dell’Agenzia delle Entrate, direttamente con le credenziali Entratel/Fisconline ovvero tramite intermediario.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più