Comunicazione ENEA per lavori di ristrutturazione

Si informa che la legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo di trasmettere all’Enea le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici.

Solo a decorrere dallo scorso 21 novembre è stato reso operativo il sito http://ristrutturazioni2018.enea.it ove effettuare l’invio dei dati richiesti.

La comunicazione dovrà essere effettuata entro 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo.

Solo per gli interventi la cui data di fine lavori (o di collaudo) è compresa tra il 1° gennaio 2018 e il 21 novembre 2018 il termine dei 90 giorni decorre da quest’ultima data. Si allega tabella con gli interventi soggetti all’obbligo di comunicazione all’Enea, come enunciati dall’Agenzia delle Entrate.

COMPONENTI E TECNOLOGIE

INTERVENTO

STRUTTURE EDILIZIE

riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno

riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi

riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno

INFISSI

riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi

IMPIANTI TECNOLOGICI

sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto

sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto

pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto

sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto

microcogeneratori (Pe<50kWe)

scaldacqua a pompa di calore

generatori di calore a biomassa

installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze

installazione di sistemi di termoregolazione e building automation

installazione di impianti fotovoltaici

ELETTRODOMESTICI

(di classe energetica minima prevista A+ , ad eccezione dei forni la cui classe minima è la A)

forni – frigoriferi – lavastoviglie - piani cottura elettrici – lavasciuga – lavatrici (solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2017

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più