Credito d’imposta per partecipazione a fiere internazionali

Il D.L. n. 34/2019 (Decreto Crescita) introduce una particolare agevolazione per le piccole-medie imprese che partecipano a fiere internazionali.

L’agevolazione consiste nel riconoscimento di un credito di imposta alle Pmi, esistenti al 1° gennaio 2019, che nel 2019 sostengono le seguenti tipologie di spese legate alla partecipazione a fiere internazionali:

  • spese per l’affitto degli spazi espositivi;

  • spese per l’allestimento dei medesimi spazi;

  • spese per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione.

Trattasi pertanto di tutte quelle spese che sono strettamente connesse alla manifestazione fieristica, da un lato come costo dello stand e relativo allestimento, dall’altro come attività pubblicitaria della partecipazione alla fiera stessa.

Il credito di imposta è pari al 30% delle spese sostenute, sino ad un massimo di Euro 60.000, e viene riconosciuto su domanda dell’impresa interessata, secondo l’ordine cronologico di presentazione, fino all’esaurimento del budget ad oggi dal Governo di Euro 5 milioni.

Il suddetto credito è ripartito in tre quote annuali di pari importo ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione in base all’articolo 17 del D.Lgs. n. 241/97; esso inoltre è riconosciuto nel rispetto delle condizioni e dei limiti degli aiuti “de minimis”.

Si evidenzia che le disposizioni applicative dell’agevolazione sono rimesse, come di consueto, a un Decreto Ministeriale di prossima emanazione che dovrà disciplinare:

  • nel dettaglio le tipologie di spese ammesse al beneficio (nell’ambito delle tipologie già sopra specificate)

  • le procedure operative per l’ammissione al beneficio;

  • l’elenco delle manifestazioni fieristiche internazionali di settore per cui è ammesso il credito di imposta;

  • le procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo dei crediti d’imposta.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più