top of page

Invio telematico dei corrispettivi – esoneri temporanei

Come noto il D.L. n. 119/2018 ha introdotto, a partire dal 1° luglio 2019, l’obbligo di inviare telematicamente i corrispettivi all’Agenzia delle Entrate per alcuni contribuenti, come di seguito meglio specificato.

Si ricorda che la decorrenza del nuovo obbligo è così differenziata:

  • dal 1° luglio 2019, per i soggetti con un volume d’affari 2018 superiore ad Euro 400.000;

  • dal 1° gennaio 2020, per tutti i soggettia prescindere dall’ammontare del volume d’affari.

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente individuato alcune fattispecie di esonero temporaneo dall’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri.

Nello specifico, NON si applica l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri:

  1. alle operazioni non soggette all’obbligo di certificazione dei corrispettivi, già previste dall’art. 2 del D.P.R. n. 696/1996 (tabacchi, giornali, carburanti, etc.);

  2. alle prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone, di veicoli e bagagli al seguito;

  3. fino al 31 dicembre 2019, alle operazioni effettuate in via marginale rispetto a quelle esonerate ai punti precedenti o rispetto a quelle soggette agli obblighi di fatturazione elettronica. Sono considerate effettuate in via marginale le operazioni i cui ricavi o compensi non sono superiori all’1% del volume d’affari complessivo dell’attività esaminata dell’anno 2018;

  4. alle operazioni effettuate a bordo di mezzi trasporto.

Le operazioni rientranti nell’ambito della deroga (diverse da quelle indicate nelle precedenti lettere a e b) continueranno ad essere annotate nel registro dei corrispettivi e, quando previsto, sarà necessario il rilascio della ricevuta o dello scontrino fiscale tradizionale al cliente.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Nuova Sabatini

La Legge di Bilancio per il 2024 ha rifinanziato, nella misura di 100 milioni di euro, la c.d. “Nuova Sabatini”, misura di sostegno agli investimenti in beni strumentali da parte di micro, piccole e m

Agevolazioni SIMEST

SIMEST ha attivato sei linee d’intervento per la presentazione delle richieste agevolative; si specifica che la spesa minima è di € 10.000. Si tratta delle seguenti misure: Transizione Digitale o Ecol

Comments


bottom of page