top of page

Notifica atti fiscali a mezzo PEC

Il D.L. n. 193/2016 ha integrato le modalità di notifica degli atti tributari, prevedendo oltre agli attuali sistemi (tramite messi comunali o autorizzati dall'ufficio ovvero raccomandata con avviso di ricevimento), anche l'utilizzo della posta elettronica certificata.

Dal 1° luglio 2017 gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate dovranno essere notificati via Pec con la conseguenza che i termini, sia di adesione sia di impugnazione, decorreranno dalla ricezione dell’atto nella casella di posta, indipendentemente dalla materiale “apertura” della mail ricevuta.

Alla luce di quanto sopra si invitano i gentili Clienti a monitorare diligentemente la propria casella Pec, al fine di non rischiare la definitività di provvedimenti notificati. Il nuovo canale Pec potrà essere utilizzato dagli Uffici per la notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati alle imprese individuali o società e ai professionisti iscritti in albi o elenchi. L'invio dovrà essere presso la casella risultante dall'indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (INI-PEC), la cui consultazione è disponibile agli uffici e dovrà seguire le modalità previste dal regolamento di cui al D.p.r. n. 68/2005. Se la Pec del destinatario risulta satura, l'Agenzia è tenuta ad un secondo tentativo di consegna decorsi almeno sette giorni dal primo invio. Se anche tale secondo invio la casella risulta satura o l'indirizzo inattivo o invalido, la notificazione va eseguita mediante deposito telematico dell'atto nell'area riservata del sito internet della società InfoCamere Scpa e va pubblicato, entro il secondo giorno successivo a quello di deposito, il relativo avviso nello stesso sito per la durata di 15 giorni. L'ufficio, inoltre, deve avvisare il contribuente dell'avvenuta notificazione dell'atto a mezzo di lettera raccomandata, senza ulteriori adempimenti a proprio carico. In questa ipotesi, per il contribuente, la notificazione si perfeziona nel quindicesimo giorno successivo a quello della pubblicazione dell'avviso nel sito internet della società InfoCamere Scpa.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Nuova Sabatini

La Legge di Bilancio per il 2024 ha rifinanziato, nella misura di 100 milioni di euro, la c.d. “Nuova Sabatini”, misura di sostegno agli investimenti in beni strumentali da parte di micro, piccole e m

Agevolazioni SIMEST

SIMEST ha attivato sei linee d’intervento per la presentazione delle richieste agevolative; si specifica che la spesa minima è di € 10.000. Si tratta delle seguenti misure: Transizione Digitale o Ecol

Comentarios


bottom of page