Rottamazione bis delle somme iscritte a ruolo

Per effetto di quanto previsto nella legge di conversione del D.L. 148/2017 tutti i soggetti che non hanno presentato la domanda di rottamazione delle somme iscritte a ruolo ai sensi del D.L. 193/2016 entro lo scorso 21 aprile 2017, potranno accedere alla sanatoria dei carichi affidati dal 2000 al 2016 all’Agente della riscossione alle medesime condizioni della disciplina originaria (stralcio delle sanzioni e degli interessi di mora) presentando l’istanza entro il 15 maggio 2018.

Si sottolinea che per la cosiddetta rottamazione bis valgono in sostanza le medesime regole stabilite nel D.L. 193/2016 e descritte puntualmente nella circolare di Studio del 19 dicembre 2016 dedicata all’argomento.

È stato allineato alla data del 15 maggio 2018 anche il termine per ripresentare la domanda (nella versione originaria del D.L. 148/2017 era fissato al 31 dicembre 2017) per coloro che si sono visti rigettare le istanze di definizione in quanto non in regola con i pagamenti dei piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016.

E’ confermata la facoltà di aderire alla rottamazione (già prevista nella versione originaria del D.L. n.148/2017) per i ruoli affidati dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017.

Si sottolinea la convenienza a presentare la domanda di rottamazione con anticipo rispetto alla scadenza, dal momento che è dalla data di presentazione che l’agente della riscossione non può avviare nuove azioni esecutive, iscrivere nuovi fermi amministrativi ed ipoteche o proseguire le procedure di recupero coattivo già avviate.

Carichi dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016 per i quali non è stata presentata istanza di rottamazione ai sensi del D.L. 193/2016.

È possibile accedere alla sanatoria trasmettendo l’istanza entro il 15 maggio 2018. Il modello da utilizzare è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate-Riscossione il 5 dicembre scorso Il numero massimo di rate è pari a 3, con scadenze di pagamento fissate al 31 ottobre 2018 (40%), 30 novembre 2018 (40%) e 28 febbraio 2019 (20%) In presenza di piani di rateazione, è consigliabile anticipare la presentazione dell’istanza poiché da questo momento sono sospese le rate sino alla prima rata della rottamazione.

Carichi dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016 per i quali è stata rigettata l’istanza per non avere pagato le rate scadute al 31 dicembre 2016.

È possibile accedere alla sanatoria trasmettendo l’istanza entro il 15 maggio 2018. Il modello da utilizzare è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate-Riscossione il 5 dicembre scorso Dopo avere presentato l’istanza, l’Agenzia delle entrate-Riscossione comunicherà l’importo delle rate scadute al 31 dicembre 2016 che andrà pagato entro il 31 luglio 2018. Solo dopo avere effettuato questo pagamento sarà possibile rottamare il ruolo Nella versione non convertita del D.L. 148/2017 il termine per ripresentare l’istanza era fissato al 31 dicembre 2017, ora prorogato al 15 maggio 2018.

Rottamazione dei carichi affidati dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017

E’ possibile accedere alla sanatoria trasmettendo l’istanza entro il 15 maggio 2018. Il modello da utilizzare è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle entrate-Riscossione il 5 dicembre scorso Dopo avere presentato la domanda, l’Agenzia delle entrate-Riscossione liquiderà l’istanza di definizione agevolata. Il numero massimo di rate di uguale importo è pari a 5, con scadenze di pagamento fissate al 31 luglio 2018, 30 settembre 2018, 31 ottobre 2018, 30 novembre 2018 e 28 febbraio 2019 Per aderire alla rottamazione dei carichi 2017 non rilevano eventuali morosità esistenti su piani di dilazione in essere.

A disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento, cordiali saluti. I più cordiali saluti.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Esportatori abituali – novità introdotte nel 2020

La presente per ricordare, in tema di esportatori abituali, alcune novità entrate in vigore durante l’anno 2020 e applicabili anche nel 2021. In particolare: la dichiarazione di intento non dovrà più